Tags Posts tagged with "scampia"

scampia

Lunedì 16 gennaio, sono stati assegnati i prestigiosi riconoscimenti del Premio Ambrosoli al Teatro Piccolo di Milano. La quinta edizione ha visto l’ingegnere napoletano Vincenzo Ciotola ricevere il riconoscimento, in una serata all’insegna della condivisione di esperienze e racconti di persone provenienti da territori e culture diverse, legate dagli ideali di Giorgio Ambrosoli “L’eroe borghese”.

Il preside Ciotola ha ricevuto il riconoscimento che viene assegnato a persone o ad organizzazioni – in particolare della pubblica amministrazione – che su tutto il territorio nazionale “si siano contraddistinti per la difesa dello stato di diritto tramite la pratica dell’integrità, della responsabilità e della professionalità, pur in condizioni avverse a causa di contesti ambientali, o di situazioni specifiche, che generavano pressioni verso condotte illegali”.

“Il tema della scuola torna per la prima volta dopo tanti anni, ma ce lo avevamo nel cuore” afferma Paolo Bertaccini Bonoli, coordinatore del premio Ambrosoli, prima di assegnare il premio all’ex Preside dell’Istituto tecnico informatico Galileo Ferraris di Scampia a Napoli. La motivazione: “Da anni è impegnato nella diffusione della cultura della legalità. Per i suoi alunni ha avviato iniziative di forte innovazione pedagogica in un contesto ad alta presenza della camorra”.

Vincenzo Ciotola Premio Ambrosoli
Vincenzo Ciotola Premio Ambrosoli

“Io ho un compito e un impegno di dare una speranza al cambiamento – afferma l’ingegnere Ciotola – I giovani di Scampia hanno una speranza, non hanno negato la loro gioventù a questo sistema. E cosa deve fare la scuola? La scuola deve raccogliere gli esempi come quello di Giorgio Ambrosoli, l’esempio delle persone che stasera sono salite su questo palco, e trasmetterlo ai giovani. Questa vivacità, questa voglia di partecipare, di cambiare, questa voglia di non lasciare ad altri la gestione del mio futuro. I ragazzi di Scampia lo hanno capito”.

Una scuola che funzioni ha bisogno di un buon preside, ma anche di docenti e collaboratori motivati, per questo motivo, il preside Ciotola ha voluto ringraziare lo staff di tutto l’istituto: “Io sono andato in un istituto che era anonimo, 18 anni sono stato a Scampia. Sono andato via da Scampia con un gruppo di docenti che ha recepito la mia voglia di aiutare questi giovani ad uscire da quel contesto così duro e loro continuano. Io devo ringraziare i miei collaboratori che mi hanno permesso di relazionarmi con i ragazzi e portarli verso la legalità”.

Giuseppe Ottaviano

 

Impossibile dimenticare i 700 clandestini naufragati qualche giorno fa proprio nelle acque del Mediterraneo. Impossibile dimenticare come queste acque bagnino terre diverse, eppure accomunate da una storia antichissima, crocevia di scambi, di viaggi, di culture che nei secoli si sono sfiorate, arricchite e influenzate a vicenda, spesso e volentieri scontrate. Non è più possibile che ci siano astio, odio e guerra tra popolazioni che vivono fianco a fianco. Non è più possibile alimentare cieche idee razziste e negarsi un aiuto reciproco.

VIDEO