Tags Posts tagged with "ANIEF"

ANIEF

0

Nell’ambito del workshop per dirigenti scolastici organizzato dal nuovo sindacato Udir, intervista al presidente nazionale Marcello Pacifico che ha organizzato un corso di formazione per i nuovi cinquanta dirigenti della Campania che inizieranno la loro esperienza, nell’anno scolastico 2017/2018, confrontandosi con i nuovi provvedimenti governativi in tema di sicurezza e salute. Un’occasione per discutere dei nuovi decreti delegati e delle nuove circolari, in vista della presentazione dei nuovi piani triennali per l’offerta formativa che dovranno tener conto delle nuove regole sulla valutazione degli alunni, su esame di Stato ed inclusione, oltre alla nuova normativa sulle vaccinazioni.

Con l’arrivo della riforma Buona Scuola si evolve il ruolo del dirigente scolastico. Cambia in questo contesto il ruolo dei sindacati? Continueranno le proteste? A Che punto siamo con le assunzioni? I docenti sono soddisfatti? E il personale ATA?
Dopo il seminario sulla riforma “Le Relazioni Sindacali d’Istituto”, all’IPSSEOA Ferraioli di Napoli, abbiamo intervistato Stefano Cavallini direttore Anief Campania.

Il Governo dispone il blocco per le 6mila assunzioni del personale ATA in favore dell’assorbimento del personale delle province. Insorgono i sindacati, che ritengono il blocco ingiustificato. La Uil Scuola sostiene che il blocco sia una vera e propria provocazione al mondo della scuola pubblica, il sindacato Confederale afferma che la legge finanziaria riguardi solo gli assistenti amministrativi, per tanto è possibile assumere tutte le altre figure professionali con contratto a tempo indeterminato. Sulla stessa linea la Uil spiega che dei 6.243 posti previsti dal turn over del personale ATA, solo il 24% interesserebbe gli assistenti amministrativi, con 5 mila posti già assegnabili.

Marcello Pacifico, rappresentante dell’Anief, specifica: “Non abbiamo nulla contro il personale perdente posto degli enti locali, ricordiamo che sono oltre 28mila le immissioni in ruolo ad oggi ancora fattibili. Il turn over rappresentava il minimo sindacale. Chiediamo al Miur di ripensarci: se ciò non avverrà entro il 10 agosto, faremo partire le procedure per dei ricorsi comuni, finalizzate alle assunzioni di tutti i posti vacanti”.

La questione resta aperta, Pacifico minaccia di scrivere direttamente alla Commissione di Bruxelles se l’Italia continuerà a rimandare le assunzioni dopo cinque anni dalla prima denuncia. L’Italia è già stata sanzionata dall’UE e malgrado le procedure di infrazione in atto non ha ancora trovato una soluzione. I proclami politici arrivati dopo il richiamo della Commissione non hanno avuto seguito, le leggi se pur promulgate non sono applicate, in alcuni casi addirittura risultano inapplicabili perché non tengono assolutamente conto della realtà lavorativa.

Che senso ha fermare 5mila assunzioni che nulla hanno a che fare con il problema dell’assorbimento del personale delle province? Qualcuno inizia ad insospettirsi, in molti sostengono che i soldi per le assunzioni esistono solo sulla carta, in modo tale da accontentare, almeno momentaneamente, la Commissione europea. Se questo fosse vero, la questione del riassorbimento sarebbe solo una scusa per prender tempo.

0

Non si può giocare con l’immissione in ruolo di 150mila persone per poi tradire le direttive comunitarie europee assumendole con invarianza finanziaria che le obbliga per tutta la vita ad avere uno stipendio da precari.” Queste le motivazioni date dal presidente dell’Anief Marcello Pacifico ad Orizontescuola, per lo sciopero indetto il 31 ottobre.

Il presidente dell’Anief vuole dare un messaggio chiaro al Governo sul malcontento generale rispetto alla nuova riforma. Secondo pacifico infatti ci sono principi che non possono essere messi in discussione, in particolare rispetto al blocco del contratto fino al 2018 e la fine degli scatti di anzianità con stipendi fermi 4 punti sotto gli scatti dell’inflazione.

Un grosso problema è anche quello rappresentato dai precari storici e la cancellazione della graduatoria d’istituto “quei 100mila precari abilitati alla professione che ogni giorno sono tra i banchi delle nostre scuole, tutto per recuperare ore di lavoro sulle ferie o sulla malattia del personale”.

Non è ancora stato chiarito se lo sciopero sarà accompagnato da un corteo, ma Pacifico promette altre iniziative se il governo non dovesse tornare sui propri passi.

Giuseppe Ottaviano

tar campania

tar campaniaGrande vittoria, per i legali Anief stabiesi, in favore di due alunni disabili di Boscoreale e Vico Equense.

Grande risultato per il legale ANIEF di Castellammare di Stabia (Na) avv.to Aldo Esposito, coadiuvato dal collega avv.to Ciro Santonicola, che insieme al responsabile ANIEF territoriale Ins. Capriglione Antonio, in riferimento al ricorso presentato contro il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca ed avente ad oggetto il riconoscimento del sostegno didattico di un docente specializzato in favore di un alunno disabile per complessive 24 ore settimanali, a fronte di un provvedimento iniziale che aveva deliberato l’assegnazione di sole 14 ore settimanali di sostegno.
Il T.A.R Campania, Sez. VIII, recependo pienamente le argomentazioni dei legali ANIEF, con sentenza depositata in data 08/04/2014 ha dichiarato “l’obbligo dell’Amministrazione resistente di garantire all’alunno il supporto scolastico di sostegno per n. 24 ore settimanali”. Stesso risultato, con una sentenza della stessa natura del 16/04/2014, per un alunno di Vico Equense.

VIDEO