Sarà presentato venerdì 16 giugno, alle 17:30, nella sala San Tommaso del complesso monumentale di San Domenico Maggiore, il progetto “SUD 2.0” rivolto agli incubatori territoriali di impresa e alle startup, con l’obiettivo di rilanciare l’occupazione giovanile e a sostenere le imprese in difficoltà attraverso un azionariato popolare ed una campagna di crowdfunding da un milione di euro.

Durante l’evento, organizzato dall’associazione “I Sedili di Napoli”, ci saranno il giornalista e scrittore, Pino Aprile, noto autore di “Terroni”, insieme ad Agostino De Luca ad illustrare i temi del progetto. La manifestazione prevede contributi di musica popolare, offerti dal grande percussionista Romeo Barbaro, e un’esposizione di alta sartoria con i costumi d’epoca di Francesca Flaminio, presidente dell’associazione “Fantasie d’Epoca” per dimostrare la creatività dei Sarti Napolitani e l’operosità delle industri tessili che a San Leucio facevano riferimento.

La presentazione ufficiale del progetto che è rivolto a Regioni, Enti e Comuni; Associazioni di Categoria e territoriali; Università e Scuole, Imprenditori e Professionisti e “soprattutto a tutti quelli che credono che un nuovo Sud sia possibile”.

“Con lo smantellamento post unitario del sistema industriale Duosiciliano che vedeva impegnato circa 1 milione e mezzo di lavoratori, primi tra tutti il Polo Siderurgico di Morgiana, l’Opificio Ferroviario di Pietrarsa, i Cantieri Navali di Castellamare di Stabia – si legge nel comunicato diramato dagli organizzatori – si avviò dal 1861 un lungo martoriato periodo di impoverimento che vide tra il 1870 ed 1913, emigrare dal Sud oltre 5 milioni di persone. Nacque così la cosiddetta ‘Questione Meridionale’. C’è però un Sud che vuole riprendersi il diritto ad “Intraprendere”, senza chiedere e senza aspettare che qualcuno gli conceda quello che è un suo diritto.”

L’ingresso è gratuito e sarà reso possibile solo fino ad esaurimento posti. Per maggiori informazioni: www.sud2-0.it oppure sulla pagina FB: SUD 2.0 – Startup & Restart

NESSUN COMMENTO

Rispondi