Musica

Siamo nel pieno dell’estate 2015 e i tormentoni estivi sono ormai conclamati. Abbiamo imparato i testi a memoria, chi per piacere di un brano e chi per il gusto poetico di un testo. Canzoni estive che ci insegnano una lingua straniera – per lo più lo spagnolo, magari il portoghese brasiliano, della musica latina che scatena le riviere di tutta Italia. Ma è giunto il momento di ribellarsi, perché i tormentoni estivi non hanno più niente da raccontare né da regalare.

0

A Secondigliano c’è un parco.

C’è tanto verde, che però non viene curato. E delle altalene, ci vado pazza, ma alcune sono rotte, e così altre giostrine. E poi c’è anche un laghetto, con un bel ponticello che fa subito pensare ai disegni dei manga giapponesi, ma spesso non ci puoi camminare per gli alberi caduti.

0

NaDir è un festival autofinanziato e indipendente che si terrà il 2-3-4 Luglio a Napoli, presso gli spazi abbandonati del Polifunzionale di Soccavo.

Musica, arte, cibo e artigianato locale, tantissimi gli artisti che si esibiranno: Miriam in Siberia, Incomprensibile FC, Nibiru Prj 22, Sabba e gli Incensurabili, Arduo, Slivovitz, Buddha Superoverdrive, Sula Ventrebianco, Sixth Minor, Francesco Forni & Ilaria Graziano, Bud Spencer Blues Explosion, Silicon Dust e Gnut.

Se pensate che la breakdance è uno dei balli più acrobatici e impegnativi è perché non avete ancora visto il passinho, la nuova streetdance proveniente dalle favela brasiliane. Il “passetto”, la danza nata da appena un lustro ma che è già la più diffusa tra bambini e adolescenti di Rio de Janeiro e del Brasile, è un vero e proprio mix di ballo e acrobazie che solo i più snodati riescono a eseguire. Sì, perché nonostante il nome faccia pensare a qualche passetto svolto rapidamente, magari come le bellissime ballerine di samba al carnevale di Rio, l’abilità nel passinho è saper torcere e sciogliere gli arti in movimenti fluidi e sempre più contorti. Guardate qui!

VIDEO